Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

NOVITA' IN LIBRERIA


ROSE E LIBRI

 

 

 

IL PICCOLO LIBRO DEI BAMBINI - ED. CONTRASTO - EURO 9,90                       WWW.CONTRASTOBOOKS.COM

 

Il libro raccoglie tutta la vitalità, la gioia, la curiosità e lo spirito di avventura che da sempre caratterizza l’infanzia, in un racconto per immagini immortalato dagli scatti dei grandi maestri della fotografia. Un omaggio a chi, come diceva Nabokov, rappresenta la forma più perfetta di essere umano. L’infanzia è una stagione affascinante, un momento della vita in cui realtà e immaginazione si fondono. C’è sempre una sorta di magia che aleggia intorno ai più piccoli. È forse quell’atteggiamento, misto di serietà e leggerezza, con cui osservano il mondo circostante, un tesoro da conservare e proteggere che gli adulti non riescono più a decifrare, ma solo a intuire. I bambini sanno quello che la maggior parte dei grandi ha dimenticato. Godono del presente, gioiscono di piccole cose, si divertono con tutto, amano senza limiti e sono sempre impegnati in attività di straordinariamente importanti. Pretendono con ogni forza ciò che desiderano e quando, infine, riescono a ottenerlo gridano ”Ancora”!

 

 

 

IL PICCOLO LIBRO DEGLI SPOSI - ED. CONTRASTO – EURO 9,90                   WWW.CONTRASTOBOOKS.COM

 

I più grandi fotografi di tutto il mondo si incontrano sulle pagine di questo libro per raccontare sposi e spose da ogni angolo della terra, i preparativi, i dietro le quinte, i differenti usi e costumi, le cerimonie, i diversi festeggiamenti, le esplosioni di gioia. Un attimo. L’istante più breve che si possa immaginare. Un semplice sì, un sì alla vita, a tutta una vita da vivere insieme. Il momento da ricordare, quello per cui esiste un prima e un dopo. E quel prima non è così emozionante come il dopo. È il matrimonio. È l’attimo da immortalare per eccellenza, da conservare come se contenesse particelle della gioia e della felicità vissute in quel momento. E lo sguardo che si posa su questa immagine è puro incanto. Incanto perché quella fotografia fa rivivere con la stessa intensità le emozioni di quel fatidico giorno. Incanto perché quell’immagine rinnova i sentimenti più profondi che la macchina fotografica ha saputo cogliere e riproporrà per sempre con disarmante bellezza.

 

 

 

“DOPO LA FOTOGRAFIA “dall’immagine analogica a quella digitale – QUENTIN BAJAC – ED. CONTRASTO  EURO 19,90 (corredato di 162 fotografie a colori e in bianco e nero) WWW.CONTRASTOBOOKS.IT 

 

Quentin Bajac ridisegna in questo libro, analizzandone le sfide estetiche e sociali, 50 anni di fotografia fino alla rivoluzione digitale. Negli anni Sessanta, con il sopraggiungere della Kodak Instamatic e della Polaroid, la fotografia passa in mano agli amatori. Nello stesso tempo, il fotogiornalismo, dinanzi al crescente dominio della televisione e delle limitazioni del diritto all’immagine, ridefinisce le sue regole di diffusione: vengono create nuove strutture e agenzie, nasce un nuovo tipo di reportage d’autore. Gli artisti dal canto loro si impossessano della fotografia per farne una pratica “antiartistica” cui si comincia ad attribuire un valore commerciale senza precedenti. Con la creazione di musei e di festival dedicati, la fotografia viene definitivamente inserita nella storia dell’arte. Nel nostro XXI secolo, saturo d’immagini, Bajac pone l’interrogativo cruciale sull’autorevolezza del mezzo: la fotografia racconta ancora la realtà?

 

QUENTIN BAJAC è capo del dipartimento fotografico del Museo nazionale d’Arte moderna, Centre Georges-Pompidou, di Parigi. In questi ultimi anni, Bajac ha curato molte mostre, sulla fotografia moderna (“Jacques-Henri Lartigue”, 2003; “La subversion des images – surréalisme, film e photographie”, 2009) e su quella contemporanea (“Bernd e Hilla Becher”, 2004; “William Klein”, 2005; “Les Peintres de la vie moderne”, 2006; “Miroslav Tichy”, 2008). Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo i due volumi apparsi in Francia nella collezione Découverte Gallimard: L’Image révélée, l’invention de la photographie, 1839-1880 (2001) e La photographie à l’époque moderne, 1880-1960 (2005)                 

 

 

 

L’ULTIMA ARRAMPICATA – SERGIO RESTA – ED MURSIA – EURO 9,00

WWW.MURSIA.COM

E un’epidemia silenziosa che colpisce in Italia circa 450 mila persone, e che nel suo decorso finisce per coinvolgere tutta la famiglia. I ricordi che scompaiono e il decadimento fisico del malato, s’intrecciano con le difficoltà dell’assistenza domiciliare, la fatica e soprattutto il dolore di vedere una persona amata perdersi nel buio di una malattia quale l’alzheimer. Sergio Resta racconta la sfida impossibile di un figlio di fronte al padre colpito dalla malattia. L’ultima arrampicata, in libreria in questi giorni, è una storia vera, un libro che porta il lettore nelle pieghe di una malattia che, in una società sempre più vecchia, ha assunto i contorni di un devastante problema sociale. Nel diario di Sergio Resta come per contrasto, mentre il padre perde le sue facoltà mentali e con esse la memoria di una vita, il figlio rievoca i ricordi del loro comune amore per la montagna e per le scalate fatte insieme. L' ultima arrampicata, quella per accompagnare il padre verso la morte, Sergio deve affrontarla da solo. E' un calvario quotidiano fatto di emozioni ma anche di problemi pratici, l'assistenza, il sostegno alla madre anziana. Eppure, in questo sforzo gli saranno preziosi proprio gli insegnamenti che il genitore gli ha trasmesso durante anni passati sui sentieri e sulle pareti, uniti dalla stessa passione per la montagna e le arrampicate. Il libro alterna quei ricordi dei momenti di complicità in mezzo alla natura, alle cronache del presente: i primi segni del disorientamento, la perdita rapidissima delle facoltà mentali, la regressione, l' angoscia della madre. L’insopportabile visione del padre, una volta bellissimo, che diventa un’ombra è straziante, ma c'è in ogni brano del libro una pietas, un amore filiale che rende preziosa e toccante ogni pagina. C'è anche la rabbia per una fine ingiusta, beffardamente lontana da quella che era stata la vita vissuta. E quando il padre abbandona la corda per volare via arriva alla fine la serena rassegnazione. Qualcosa si è compiuto e quello che davvero conta è non aver abbandonato il compagno, padre e amico.

 

SERGIO RESTA è nato a Roma nel 1957 e vive a Chiusi (SI). È chirurgo generale e specialista dei sistemi di emergenza territoriali. Svolge attività da libero professionista in Italia e all’estero. Autore di oltre cento pubblicazioni scientifiche originali  per la stampa, è stato redattore dell’Enciclopedia Medica Italiana per la sezione chirurgica. È praticante attivo di discipline sportive di contatto e potenza.

          

LE RICETTE DEI MAGNIFICI 20 i buoni piatti che si prendono cura di noi

MARCO BIANCHI – ED. PONTE ALLE GRAZIE – EURO 14,00 WWW.PONTEALLEGRAZIE.IT   WWW.ILLIBRAIO.IT  WWW.INFINITESTORIE.IT

Nel suo primo libro, Marco Bianchi, ricercatore molecolare impegnato da anni sul fronte della lotta al cancro e appassionato di cucina, ci ha spiegato quali sono gli alimenti e i gruppi di alimenti grazie ai quali «mangiare bene» equivale a «mangiare sano»: I Magnifici 20, ricchi di virtù e protagonisti di una cucina buona in tutti i sensi e per tutti i sensi. Quel primo libro, un successo di pubblico e di critica, riportava anche un certo numero di preparazioni; in questo secondo Bianchi ci offre un vero e proprio ricettario, con oltre duecento esempi di piatti «che si prendono cura di noi», soddisfacendo le richieste di chi ha già provato tutte le ricette dei Magnifici 20 e ne vuole ancora, ma anche coloro che si accostano per la prima volta, forse con occhio più rigorosamente gastronomico, a questo modo di concepire i piaceri della tavola. Possiamo allora adoperare Le ricette dei Magnifici 20 come il più classico dei libri di cucina, scegliendo tra veloci piatti unici, sfiziosi antipasti, ricche insalate, tutti i tipi di pasta, zuppe, secondi e dolci da leccarsi i baffi; scoprire quanto è facile riunire con successo nello stesso piatto i vecchi, cari sapori con i quali siamo cresciuti e gli ingredienti nuovi che ci capita di assaggiare nei ristoranti etnici. Possiamo anche consultarlo con occhio «scientifico», trovando nelle ricchissime appendici del libro una guida, ricetta per ricetta, agli ingredienti salutari – vitamine, microalimenti e sostanze chimiche. Ma soprattutto, possiamo divertirci a sperimentare, come fa e ci invita a fare Marco, vulcanico ricercatore in laboratorio e ai fornelli. Stare bene in cucina è importante altrettanto quanto mangiare sano. Facciamoci contagiare da lui e dai suoi piatti che sprizzano salute.

 

MARCO BIANCHI è nato a Milano nel 1978 e fin da bambino ha coltivato due grandi passioni, crescendo tra microscopi e fornelli; a nove anni ha prodotto la sua prima pasta al forno ai quattro (forse anche cinque o sei) formaggi. Si è diplomato Tecnico in Ricerca Biochimica e ha studiato Monitoraggio delle trasformazioni alimentari, e ora lavora presso la Fondazione IFOM – Istituto FIRC (Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) di Oncologia Molecolare di Milano, centro di ricerca d'eccellenza a livello internazionale. All'attività scientifica affianca quella didattica, di formazione, informazione e divulgazione presso scuole ed enti, privati e pubblici.

 

 

LA CUCINA NAPOLETANA la storia di una città attraverso la storia della sua cucina – EDMONDO CAPACELATRO – ED. PONTE ALLE GRAZIE – EURO 14,00 WWW.PONTEALLEGRAZIE.IT

Questo è un libro dei sensi e un libro corale. Fin dalle prime pagine camminiamo per le strade di Napoli e a ogni angolo, in ogni piazza incontriamo persone, profumi, richiami che evocano il cibo. E l’autore riesce a far coesistere, in questo presepe, epoche remote – dalla Neapolis greca – meno lontane – la Napoli capitale – e assolutamente attuali, con tutti i loro personaggi: sovrani golosi e pezzenti buongustai, zie cuoche formidabili, chef di corte, pittori, poeti. Sfidando la retorica della napoletanità a colpi di ricordi personali e di coltissime citazioni, sempre sostenuto da una conoscenza che trabocca di passione, Edmondo Capecelatro coglie in pieno lo spirito caro al Lettore goloso: la cucina napoletana non è solo cucina, è cultura. I suoi capisaldi sono naturalmente gli ingredienti, doni di una terra e di un mare incredibilmente generosi; le sue invarianti, le festività con i loro menu; i suoi bestseller, i piatti grazie ai quali in gran parte del mondo cucina italiana è sinonimo di cucina napoletana; e poi ci sono le chicche che rendono questo libro speciale una volta di più: il caffè, l’acqua; il cibo ritratto nella pittura e reso mitico dal teatro. Alla fine, possiamo dire di aver imparato cosa rende unico il sapore di Napoli, la città dei lazzari, ai quali bastava un piatto di maccheroni e un bicchiere di acqua innevata. Cos’è l’acqua innevata? Leggete questo libro.

 

EDMONDO CAPACELATRO, napoletano, vive a Milano. Scrittore e saggista, ha pubblicato il libro Sogno Napoletano – storia, leggende, miti e misteri di una città che non muore e, in collaborazione con la Fondazione Ente dello Spettacolo di Roma, Totò, vita e arte di un genio e Eduardo, la magia del teatro. Collabora con varie riviste su temi di storia, costume, letteratura. Cura la realizzazione e gestione di seminari sulla storia e le tradizioni di Napoli ed è anche autore di opere teatrali

 

TRA I LIBRI PRESENTI NEL CATALOGO PONTE ALLE GRAZIE COLLANA “IL LETTORE GOLOSO” PER UNA VERA CULTURA DELLA CUCINA DIRETTA DA ALLAN BAY SI SEGNALANO:

 

IL LIBRO DELLE MELE – GIULIANA LOMAZZI

 

IL GIARDINIERE GOLOSO – CRISTINA BAY, GOTTARDO BONACINI

 

IL LIBRO DEL PANE – ALESSANDRA MELDOLESI

 

L’ARTE DEL MENU – FABIANO GUATTERI

 

CONOSCERE IL CIOCCOLATO – CLARA e GIGI PADOVANI

WWW.PONTEALLEGRAZIE.IT

 

MORTE APPARENTE – THOMAS ENGER – ED. IPERBOREA – EURO 17,00

DISPONIBILE ANCHE IN VERSIONE E BOOK    WWW.IPERBOREA.COM

Le cicatrici sul volto e il gelo nell’anima, il giornalista Henning Juul torna al lavoro ma non alla vita dopo il misterioso incendio in cui ha perso il figlio. Ad attenderlo il caso che ha sconvolto la pacifica Oslo, un delitto che richiama i rituali della Shari‘a e ha il volto della giovane Henriette Hagerup. Polizia e media battono ogni pista plausibile, tutti gli indizi portano a Mahmoud, il fidanzato pachistano legato alle bande del narcotraffico, ma chi era veramente la bella studentessa di cinema, così ammirata, così intrigante nel suo talento anticonformista? E cosa nasconde il film sull’islam che stava girando insieme all’amica Anette? In un crescendo di tensione, la trama di morte si infittisce intorno a un’indagine che diventa per Henning un faccia a faccia con i propri fantasmi, fino al brusco risveglio che ha il cacciatore quando si accorge di essere la preda.

 

THOMAS ENGER è nato nel 1973 a Oslo e ha sempre vissuto a Jessheim, in Norvegia. Musicista, compositore, scrittore e giornalista, collabora con le principali testate nazionali. Morte apparente, il primo romanzo di una serie di sei, e stato accolto dalla stampa norvegese come il miglior esordio degli ultimi anni. I libri successivi saranno pubblicati in Norvegia a partire dal 2011. Morte Apparente è stato venduto, fino ad oggi, in 22 paesi stranieri.

 

 

PAESAGGIO, COSTITUZIONE, CEMENTO  -  SALVATORE SETTIS  -  ED. EINAUDI  -  WWW.EINAUDI.IT

«È oggi più che mai necessario parlare di paesaggio». Salvatore Settis si confronta con il baratro che separa i principi di difesa e tutela del territorio sanciti dalla Costituzione dalla realtà di degrado dello spazio che abitiamo. Il degrado di cui stiamo parlando non riguarda solo la forma del paesaggio e dell'ambiente, e nemmeno solo gli inquinamenti, i veleni, le sofferenze che ne nascono e ci affliggono, ma è una forma di declino complessivo delle regole connesse al vivere comune e dovuto a una sorta d’indifferenza, a certe leggi contraddittorie, aggirate con disinvoltura, a un malcostume diffuso e a una monetizzazione di ogni valore. Il volume è un'indagine che risale alle radici etiche e giuridiche del saccheggio del Bel Paese, per reagire, preservare e fare «mente locale», contro speculazioni, colpevole apatia e conflitti tra poteri. Una necessaria manifestazione di civiltà, per evitare che il cemento soffochi anche il futuro del nostro territorio.

 

SALVATORE SETTIS è membro del direttivo nazionale dell’associazione Italia Nostra, e da molto tempo conduce una battaglia importante per la difesa del paesaggio e dell’ambiente nel nostro Paese (www.italyinevidence.eu – ambiente). Tra i volumi pubblicati da Settis ricordiamo “Artisti e committenti fra Quattrocento e Cinquecento”. “Artemidoro Un papiro dal I secolo al XXI”. ” Italia SpA L’assalto al patrimonio culturale”.

 

 

 

GIOVANNI PAOLO II la biografia  -  ANDREA RICCARDI  -  ED. SAN PAOLO  -  EURO 24,00 WWW.EDIZIONISANPAOLO.IT

 

Giovanni Paolo II, protagonista per più di un quarto di secolo sulla scena mondiale, è stato definito il papa slavo, colui che ha dato il colpo di grazia all’Unione Sovietica e al suo impero, l’uomo del secolo. Più semplicemente egli riteneva di aver ricevuto il compito di introdurre la Chiesa nel nuovo millennio. Questo era il senso del suo viaggio condotto, secondo la sua convinzione, dal filo invisibile della Provvidenza. Questa guida nascosta l’aveva sottratto alla guerra e alle deportazioni di cui erano caduti vittima tanti suoi compagni; l’aveva chiamato alla vita sacerdotale; l’aveva scelto come vescovo e come papa. Ancora questo scudo di grazia l’aveva protetto in occasione dell’attentato in Piazza San Pietro. Una volta ristabilito Giovanni Paolo II ampliò ulteriormente il suo raggio d’azione. Al servizio della Chiesa Cattolica, egli s’impegnò a favorire l’unione tra i cristiani, l’amicizia con l’ebraismo, il dialogo tra le religioni, la pace nel mondo. Al termine della sua vita, consumato dalla dedizione, commosse l’umanità con la sua sofferenza. L’opera di Andrea Riccardi, che conobbe da vicino il pontefice, è la prima vera biografia scritta su base scientifica e testimoniale di un papa che ancora vive nel ricordo dei credenti e di tanti uomini.

 

ANDREA RICCARDI nato a Roma nel 1950, è ordinario di Storia Contemporanea presso la Terza Università di Roma e fondatore della Comunità di Sant’Egidio. Presso le Edizioni San Paolo ha pubblicato “Le politiche della Chiesa”, “Vescovi d’Italia, Storie e profili del Novecento”, “Dio non ha paura, La forza del Vangelo in un mondo che cambia”, “La pace preventiva, Speranze e ragioni in un mondo di conflitti”, e ha inoltre curato “Il sogno di un tempo nuovo, Lettere di Giorgio La Pira a Giovanni XXIII”.

 

Tra i volumi presenti nel catalogo San Paolo 2011 si segnalano:

 

1861-2011 UN’AVVENTURA ITALIANA  -  A. STRADA e G. SPINI  -  illustrazioni di L. SALVAGNO  -  ED. SAN PAOLO  -  EURO 12,00  WWW.EDIZIONISANPAOLO.IT

 

IL CAMMINO DELL’UOMO SECONDO LA BIBBIA saggio di antropologia ebraico-cristiana  -  P. DAUTAIS   ED. SAN PAOLO  EURO 15,00  WWW.EDIZIONISANPAOLO.IT

 

IL MANUALE PRATICO DEL BENESSERE  -  PAOLO ZUCCONI  -  ED. IPERTESTO VERONA EURO 30,00   Saggio psicologico divulgativo, da leggere prima di stare male, “Il Manuale pratico del Benessere” rappresenta un vero compendio pratico di psicoprofilassi, risultante da migliaia di conferenze e seminari di psicologia popolare e del benessere, tenuti, negli anni, in varie zone d'Italia. Scritto per le persone comuni, per tutti quelli che sono senza esperienze psicologiche, o delusi da interventi sanitari poco efficaci, il libro si propone di condurre il lettore, passo dopo passo, attraverso una originale procedura sequenziale, autodiagnostica, con numerose verifiche pratiche progressive dell'apprendimento individuale - secondo il principio comportamentista dell'istruzione programmata - per una reale crescita personale quotidiana (concretamente misurabile con gli strumenti di misura presenti all'inizio, alla fine di ogni capitolo ed in appendice) al fine di ridurre significativamente le probabilità di contrarre disturbi psicosomatici e psicopatologie che, nella maggior parte dei casi, tutte le persone potrebbero facilmente prevenire. Evidenziati quei fattori di rischio che fanno riferimento al rapporto tra la persona e gli eventi stressanti quotidiani e improvvisi (life events), il Manuale offre soluzioni concrete di benessere realizzabili da chiunque attui gli esercizi pratici posti alla fine di ogni capitolo. In altra parte del Manuale si apprende come elementi naturali e azioni salutiste a costo zero (aria, acqua, sole, luna e luce) utilizzati e dosati secondo semplici prescrizioni, possono contribuire all'elevazione della qualità della vita quotidiana di ognuno di noi. Completano l'opera tredici psicotest, brevi a risultato immediato, elaborati dall'Autore, utilizzati in ambulatorio e sperimentati sul web da quasi un milione di naviganti, per capire quanto vale (matematicamente) la propria salute e come difenderla per vivere più a lungo e meglio. Patrocinato dal Club UNESCO poiché " i contenuti rientrano a pieno titolo nei messaggi propri della Giornata mondiale della salute, decretata dall'ONU", con la prefazione del presidente dei Giornalisti Specializzati Associati (G.S.A) di Milano e l'introduzione del docente di psicologia clinica dell'Università di Padova (già primo presidente dell'Ordine Nazionale degli Psicologi), il volume, costituito da 44 capitoli, per un totale di 570 pagine e 139 note, è il risultato di cinque anni di lavoro.

 

 

 

LA P2 NEI DIARI SEGRETI DI TINA ANSELMI  -  a cura di ANNA VINCI  -  ED. CHIARELETTERE  -  EURO 16,60  -  Prefazione DACIA MARAINI     WWW.CHIARELETTERE.IT

 

A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti privati di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri, giornalisti, imprenditori. Molti personaggi sono tutt’ora in politica, da Berlusconi a Cicchitto, e tra i protagonisti c’è Flavio Carboni, oggi coinvolto nelle indagini sulla cosiddetta P3. Intanto il “Piano di rinascita democratica” di Gelli, che mirava a controllare la magistratura e svuotare le istituzioni democratiche, sembra avere nuovi adepti. “Peccato non averlo depositato alla SIAE per i diritti, ha detto il Venerabile, tutti ne hanno preso spunto, ma l’unico che può andare avanti è Silvio Berlusconi”. Il volume contiene appunti su Clara Canetti Calvi, Angelo Rizzoli, Maurizio Costanzo, Bruno Tassan Din, Giulio Andreotti, Arnaldo Forlani, Bettino Craxi, Flaminio Piccoli, Enrico Berlinguer, Giuseppe Pisanu, Giancarlo Elia Valori, Armando Corona… Con la prefazione è a cura di Dacia Maraini, e la postfazione è firmata da Giuliano Turone, nel testo anche una testimonianza firmata da Giovanni Di Ciommo. In appendice lettere di Francesco Cossiga, Licio Gelli, Michele Sindona,Tina Anselmi ed estratti della relazione della Commissione.

 

TINA ANSELMI è nata a Castelfranco Veneto nel 1927 in una famiglia cattolica antifascista. Il suo impegno civile e politico, iniziato con la Resistenza, cui prende parte come staffetta partigiana, è proseguito dopo la guerra nel sindacato e all’interno della Democrazia Cristiana. Laureata in Lettere all’Università Cattolica di Milano,divenne insegnante nella Scuola Elementare. Eletta alla Camera dei Deputati nel 1968, riconfermata fino al 1992, nel 1976 è stata nominata ministro del Lavoro ed è la prima donna in Italia a ricoprire tale incarico. Ha retto in seguito per due volte il Ministero della Sanità, dall’11 marzo 1978 al 4 agosto 1979 e compare fra gli autori della riforma che introdusse il Servizio Sanitario Nazionale. E’ stata presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2 e della Commissione sulle conseguenze delle leggi razziali sulla comunità ebraica. Nel corso della sua carriera politica ha fatto parte anche delle commissioni Lavoro e previdenza sociale, Igiene e Sanità, Affari Sociali. Si è sempre occupata molto dei problemi della famiglia e delle donne: si deve a lei la legge sulle pari Opportunità. Nel 2004 ha promosso la pubblicazione di un libro intitolato “Tra città di Dio e città dell’uomo, Donne Cattoliche nella Resistenza Veneta” Edito da Istresco, Treviso di cui ha scritto l’introduzione e un saggio. E’ stata più volte presa in considerazione da politici e società civile per la carica di Presidente della Repubblica.

 

ANNA VINCI è nata a Roma, dove vive e lavora. Scrittrice, tra i suoi romanzi ricordiamo, “L’usuraia” edizioni Associate, “Marta dei vocabolari” ed. Ila Palma Palermo, “Restituta del porto” ed. Voland Roma. Tra i suoi saggi citiamo “Tina Anselmi: storia di una passione politica” edito da Sperling&Kupfer, “La politica con il cuore” scritto con S. Pezzopane edito da Castelvecchi. Come autrice, regista e conduttrice, ha lavorato alla radio in programmi d’informazione, mentre in televisione si è occupata di programmi culturali. E’ inoltre autrice televisiva di trasmissioni sulla storia culturale, sociale e politica del nostro Paese, nonché di trasmissioni di invito alla lettura dei classici. Ha scritto e diretto il video dal tema Leggere la Costituzione con i bambini, con la partecipazione straordinaria del presidente C. A. Ciampi, mentre per il teatro ha scritto e messo in scena l’opera dal titolo “Il Signore del Sorriso” tratto da un suo testo satirico liberamente ispirato alla vita di Silvio Berlusconi, rappresentato anche alla Comédie Francaise di Parigi. Nel 2009-2010 è andata in scena la sua pièce “La terra senza” prodotta dal Teatro Stabile di Catanzaro.

 

 

 

GRAN CIRCO TADDEI E ALTRE STORIE DI VIGATA  -  ANDREA CAMILLERI  -  EURO 14,00 ED. SELLERIO PALERMO   WWW.SELLERIO.IT

 

Fanno diversa via, in quel di Vigàta, la voglia e il piede. Uno scherzo del caso, repentino e inaspettato, si intromette sempre. Disorienta i nodi d’intrigo e li rende stridenti. Interrompe la banale prevedibilità dei fatti, un poco infimi spesso, o un poco ignobili, e magnanimi di rado; e li investe di diritto e di traverso, per celia o per scorno. Ne devia gli esiti e li rovescia. E trascorre dalla malasorte, al dispetto, alla vendetta fatale; dallo sgambetto, allo sberleffo, alla beffa. Il tutto declinando, ora andando indietro e ora avanti nel tempo, dalle superfetazioni eroiche e dal bellicismo virile di un falloide beccamorto, con la ganascia alla folla e la lucida cuticagna, il Duce il Duce; da una dichiarazione di guerra, insomma, che invocava braccia per i fucili e gioventù feconda da contrapporre alla sterilità dei popoli «volgenti al tramonto». L’«ora segnata dal destino» sviò, in quel brano d’Italia che è Vigàta, la favolaccia imperiale dello spaccamondo. Una provvidenza eroicomica, che agiva a contrappasso, investì i «combattenti» di una nuova missione. Caricò erezioni di fucili. Bonificò i letti sterili, che negavano il dovuto tributo alla patria fascista e disonoravano gerarchi e gerarchetti. Seminò corna, che non era possibile potare. Capitò pure, in quella festa grossa, tra malignazze che avevano il coraggio delle sciocchezze, che una «vasta congiura comunista» si rivelasse, al contrario, un’ardimentosa «congiura fascista». Un leone, che non ruggiva e perdeva il pelo, non riuscì, mentre attorno a lui i camerati andavano armando quisquilie campanilistiche, a far morire di spavento la vittima designata; eppure, per ironia della sorte, seppe entrare e impiantarsi negli incubi e nelle ossessioni di più persone. Era pur sempre il re della foresta. Tempo dopo, a liberazione avvenuta, il più «arraggiato» dei comunisti si lasciò ammansire e convertire dalla secchiata d’acqua di un ateo mattacchione travestito da Gesù Cristo benedicente. Il comunista si strinse al rosario. A Vigàta i comunisti perdettero le elezioni, e quasi scomparvero dalla vita politica. L’ateo liberale morì strozzato dalle risate. Sono otto i racconti che qui fanno libro e non semplice raccolta. Sono cronache e quasi apologhi, non si sa fino a che punto sempre e veramente d’altri tempi. Gli orologi di Camilleri sono molli. E i racconti sanno alzare e abbassare il tono. Non disdegnano neppure le scene pazze, cinematograficamente costruite, alla Quentin Tarantino. Sono racconti, questi, che non eludono il grande romanzo di Vigàta. Vi contribuiscono anzi, secondo una precisa progettazione  (Salvatore Silvano Nigro).

 

ANDREA CAMILLERI, nato a Porto Empedocle nel 1925 è regista di teatro, televisione, radio e sceneggiatore. Ha insegnato regia presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Ha pubblicato numerosi saggi sullo spettacolo e il volume, I teatri stabili in Italia (1898-1918). Il suo primo romanzo, Il corso delle cose, del 1978, è stato trasmesso in tre puntate dalla TV col titolo La mano sugli occhi. Con la casa editrice Sellerio ha pubblicato i seguenti libri: La strage dimenticata (1984), La stagione della caccia (1992), La bolla di componenda (1993), Il birraio di Preston (1995), Un filo di fumo (1997), Il gioco della mosca (1997), La concessione del telefono (1998), Il corso delle cose (1998), Il re di Girgenti (2001), La presa di Macallè (2003), Privo di titolo (2005), Le pecore e il pastore (2007), Maruzza Musumeci (2007), Il casellante (2008), Il sonaglio (2009), La rizzagliata (2009), Il nipote del Negus (2010, anche in versione audiolibro); e inoltre i romanzi con protagonista il commissario Salvo Montalbano: La forma dell'acqua (1994), Il cane di terracotta (1996), Il ladro di merendine (1996), La voce del violino (1997), La gita a Tindari (2000), L'odore della notte (2001), Il giro di boa (2003), La pazienza del ragno (2004), La luna di carta (2005), La vampa d'agosto (2006), Le ali della sfinge (2006), La pista di sabbia (2007), Il campo del vasaio (2008), L'età del dubbio (2008), La danza del gabbiano (2009), La caccia al tesoro (2010), Il sorriso di Angelica (2010).

 

 

 

UN FILO D'OLIO  -  S. AGNELLO HORNBY  -  ED. SELLERIO PALERMO  -  EURO 14,00

 

Tra i sapori e profumi delle ricette di casa Agnello ci sono quelli, mai nostalgici ma sempre intensi e fragranti, del tempo trascorso a cui il talento della scrittrice dona il gusto dell’eterno presente della vita. «Da anni desideravo trascrivere le ricette dei dolci di nonna Maria, annotate da lei in un quadernetto con le pagine numerate e corredato di indice, un libro vero e proprio. Avevo in mente un lavoro a quattro mani con mia sorella Chiara; nonostante da quarant’anni viviamo in isole diverse, ogni estate ci ritroviamo a Mosè – la nostra campagna – e cuciniamo ancora come ci hanno insegnato mamma e zia Teresa.[...] L’idea era quella di far rivivere la cultura della tavola di casa nostra attraverso le sue ricette, fotografie d’epoca e alcune pagine “narrative” per le quali avrei attinto ai nostri ricordi e ai racconti di mamma». Le ricette qui raccolte sono quelle degli anni e delle villeggiature delle due sorelle. E dalle pagine del ricettario familiare, limate dall’uso e dagli aneddoti, riaffiora tutto un mondo perduto di personaggi, di atmosfere e di sensazioni, i molti fantasmi benevoli che affollavano i giorni assolati di due bambine, in una grande casa padronale di metà Novecento. Tra i sapori e profumi delle ricette di casa Agnello ci sono quelli, mai nostalgici ma sempre intensi e fragranti, del tempo trascorso cui il talento della scrittrice dona il gusto dell’eterno presente della vita.

 

SIMONETTA AGNELLO HORNBY nata a Palermo, vive dal 1972 a Londra, dove svolge la professione di avvocato ed è stata presidente per otto anni del Tribunale di Special Educational Needs and Disability. Il suo primo romanzo, La Mennulara, è del 2002. In seguito ha pubblicato La zia marchesa (2004), Boccamurata (2007), Vento scomposto (2009), La monaca (2010) e Camera oscura (2010), accolti con numerosi premi letterari e tradotti in diverse lingue.

 

 

 

FRA I TITOLI PRESENTI NELLA COLLANA SELLERIO SI SEGNALANO:

 

CHERNOBYL - FRANCESCO M. CATALUCCIO  -  EURO 12,00                                    

 

IL MESTIERE DELL'ARTISTA. DAL CARAVAGGIO AL BACICCIO - CLAUDIO STRINATI  -  EURO 12,00               

 

LA PIETRA E LA LUCE. LA CATTEDRALE DEL MEDIOEVO - MARCO MESCHINI  -  EURO 12,00

WWW.SELLERIO.IT

Tag(s) : #libri - autori - editori
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: